leNOTIZIE

COOPERATIVE 2020: A BELLUNO E TREVISO CONFCOOPERATIVE AVVIA UNA COLLABORAZIONE CON LEGACOOP PER LO SVILUPPO ECONOMICO LOCALE

COOPERATIVE 2020: A BELLUNO E TREVISO CONFCOOPERATIVE AVVIA UNA COLLABORAZIONE CON  LEGACOOP PER LO SVILUPPO ECONOMICO LOCALE

Per interpretare in modo moderno la loro tradizionale funzione di rappresentanza e rinforzare ulteriormente il ruolo di sostegno alla crescita delle cooperative, le due associazioni territoriali hanno condiviso una strategia per valorizzare, coinvolgere e responsabilizzare le persone che ogni giorno lavorano all’interno delle imprese  aderenti. 

Consulenza, formazione, promozione per le cooperative e monitoraggio dei trend di sviluppo e di impatto socio-economico sono i driver del progetto, a beneficio di 270 realtà e 50 mila soci trevigiani e bellunesi.

 

Categorie: Primo PianoDal TerritorioI Progetti

Tags: cooperazione,   formazione,   co-progettare,   modelli virtuosi,   imprese cooperative

270 imprese nelle province di Treviso e Belluno, 50 mila soci, più di 10 mila occupati e un fatturato che sfiora 1,4 miliardi di euro: il peso e la forza dei numeri del sistema della cooperazione bellunese e trevigiano associato a Confcooperative e Legacoop hanno determinato la collaborazione tra le due associazioni che, per la prima volta, hanno presentato congiuntamente alla Camera di Commercio di Treviso e Belluno un progetto, Cooperative 2020, finalizzato a sostenere lo sviluppo socio - economico locale attraverso azioni di consulenza, formazione, promozione del movimento cooperativo. 

Per realizzare questi obiettivi le due associazioni hanno elaborato sei azioni progettuali, alcune già state avviate, altre sono in fase di definizione. 

Le prime due azioni, di cui si occupa operativamente Legacoop, puntano alla consulenza e al sostegno alle imprese: si tratta dell’istituzione di 3 Punti di innovazione digitale, 2 a Treviso e 1 a Belluno a supporto del processo di digitalizzazione delle cooperative, e di 3 Sportelli Lavoro che offrano assistenza alle cooperative (socie e non) nella piena applicazione delle norme sul lavoro e sugli appalti. 

Le altre azioni sono invece in capo a Confcooperative Belluno e Treviso, che si occuperà in primis di comunicare e valorizzare le ricadute della buona cooperazione nel territorio: il 14 settembre le cooperative aderenti saranno a Cortina d’Ampezzo per la quinta edizione di #Coopinpiazza, manifestazione che quest’anno, rinnovata e arricchita, cambia il nome e diventa Scoop!. 

Nel progetto resta centrale la formazione continua che prevede l’avvio di tre distinte sotto azioni: la Scuola per amministratori di imprese cooperative, i percorsi per i soci cooperatori e School of Coop, programma rivolto agli studenti delle scuole superiori che vogliono sperimentare il modello cooperativo. Sempre nell’area della formazione sono previsti una serie di seminari per l’approfondimento di specifiche tematiche di attualità. Si darà inoltre continuità al percorso di implementazione dei dati quantitativi di bilancio e dei relativi indicatori di performance economico finanziaria delle cooperative del settore agroalimentare delle due provincie. Oltre ai dati aggregati per comparto agricolo, saranno forniti alle singole imprese dei dossier aziendali con l’analisi specifica del proprio posizionamento rispetto all’andamento complessivo del comparto di appartenenza.

 

Per realizzare questi obiettivi le due associazioni hanno elaborato sei azioni progettuali contenute in un documento recentemente approvato dalla Camera di Commercio. Alcune delle azioni del progetto sono già state avviate, altre sono in fase di definizione.

 

Le prime due azioni puntano alla consulenza e al sostegno alle imprese: si tratta dell’istituzione di 3 Punti di innovazione digitale, 2 a Treviso e 1 a Belluno a supporto del processo di digitalizzazione delle cooperative, e di 3 Sportelli Lavoro che offrano assistenza alle cooperative (socie e non) nella piena applicazione delle norme sul lavoro e sugli appalti.

La terza è invece rivolta a comunicare e valorizzare le ricadute della buona cooperazione nel territorio: il 14 settembre le cooperative saranno a Cortina d’Ampezzo per la quinta edizione di #Coopinpiazza, manifestazione che quest’anno, rinnovata e arricchita, cambia il nome e diventa Scoop!.

Nel progetto resta centrale la formazione continua che prevede l’avvio di tre distinte sotto azioni: la Scuola per amministratori di imprese cooperative, i percorsi per i soci cooperatori e School of Coop, programma rivolto agli studenti delle scuole superiori che vogliono sperimentare il modello cooperativo. Sempre nell'area della formazione sono previsti una serie di seminari  per l’approfondimento di  specifiche tematiche di attualità.

Si darà infine continuità al percorso di implementazione dei dati quantitativi di bilancio e dei relativi indicatori di performance economico finanziaria delle cooperative del settore agroalimentare delle due provincie. Oltre ai dati aggregati per comparto agricolo, saranno forniti alle singole imprese dei dossier aziendali con l’analisi specifica del proprio posizionamento rispetto all'andamento complessivo del comparto di appartenenza.


270 imprese nelle province di Treviso e Belluno, 50 mila soci, più di 10 mila occupati e un fatturato che sfiora 1,4 miliardi di euro: il peso e la forza dei numeri del sistema della cooperazione bellunese e trevigiano associato a Confcooperative e Legacoop hanno determinato la collaborazione tra le due associazioni che, per la prima volta, hanno presentato congiuntamente alla Camera di Commercio di Treviso e Belluno un progetto, Cooperative 2020, finalizzato a sostenere lo sviluppo socio - economico locale attraverso azioni di consulenza, formazione, promozione del movimento cooperativo.

 

Per realizzare questi obiettivi le due associazioni hanno elaborato sei azioni progettuali contenute in un documento recentemente approvato dalla Camera di Commercio. Alcune delle azioni del progetto sono già state avviate, altre sono in fase di definizione.

 

Le prime due azioni puntano alla consulenza e al sostegno alle imprese: si tratta dell’istituzione di 3 Punti di innovazione digitale, 2 a Treviso e 1 a Belluno a supporto del processo di digitalizzazione delle cooperative, e di 3 Sportelli Lavoro che offrano assistenza alle cooperative (socie e non) nella piena applicazione delle norme sul lavoro e sugli appalti.

La terza è invece rivolta a comunicare e valorizzare le ricadute della buona cooperazione nel territorio: il 14 settembre le cooperative saranno a Cortina d’Ampezzo per la quinta edizione di #Coopinpiazza, manifestazione che quest’anno, rinnovata e arricchita, cambia il nome e diventa Scoop!.

Nel progetto resta centrale la formazione continua che prevede l’avvio di tre distinte sotto azioni: la Scuola per amministratori di imprese cooperative, i percorsi per i soci cooperatori e School of Coop, programma rivolto agli studenti delle scuole superiori che vogliono sperimentare il modello cooperativo. Sempre nell'area della formazione sono previsti una serie di seminari  per l’approfondimento di  specifiche tematiche di attualità.

Si darà infine continuità al percorso di implementazione dei dati quantitativi di bilancio e dei relativi indicatori di performance economico finanziaria delle cooperative del settore agroalimentare delle due provincie. Oltre ai dati aggregati per comparto agricolo, saranno forniti alle singole imprese dei dossier aziendali con l’analisi specifica del proprio posizionamento rispetto all'andamento complessivo del comparto di appartenenza.


Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Inserisci il tuo messaggio ...
x